Beppe Grillo victim blaming
Attualità,  Società

Di Beppe Grillo e victim blaming: quando ne avremo abbastanza?

Ormai è su tutti i tg, impossibile scappare. Beppe Grillo che, nel tentativo più disperato, tenta di difendere il figlio. Per chi se lo fosse perso, era il 2019 quando nella casa del noto politico a Porto Cervo, in Sardegna, si consuma uno dei crimini più disgustosi. Ciro Grillo, uno dei 4 figli del politico, e il suo gruppo di amici sono accusati di violenza sessuale ai danni di una ragazza. Il resto, purtroppo, è storia.

Il caso è diventato nazionale non tanto per il crimine in sè, che non sta a noi decretare, ma per la risonanza che ha avuto nel mondo politico. Moltissimi, infatti, gli esponenti di questo o quel partito che hanno dello la loro sul comportamento di Grillo. Ma andiamo con ordine. Secondo il Corriere della Sera, le violenze praticate dal gruppo si sono rivolte a due , ma è su una in particolare che si è riversata la bile di Grillo padre. Ma non finisce qui!

APPROFONDIMENTO>>> Revenge porn e società: quando a commetterlo è un adolescente? Il caso di Salerno

La solita retorica

victim blaming Beppe Grillo
Di Beppe Grillo e victim blaming (Pixabay)

Lasciando da parte i toni infervorati (tipici di chi non ha nulla da temere sulla presunta innocenza del pargolo!), il video che gira in questi giorni in televisione e sul web, che mostra le parole del politico per intero o solo in alcune parti, è un bel concentrato di victim blaming. Rivittimizzazione o vittimizzazione secondaria, per i più puristi della lingua, ma il senso non cambia: dare la colpa alla vittima. “Una persona che viene stuprata la mattina […] e dopo 8 giorni fa una vi è sembrata strana” (fonte Il Post).  Questa la principale accusa mossa nel video, il tempo impiegato per denunciare. Come se ci fosse un codice specifico: entro le 24 ore sei salva, il secondo giorno è già a rischio, mentre dal terzo in poi lascia proprio perdere, chi vuoi che ti prenda sul serio?

APPROFONDIMENTO>>> Stereotipi culturali attraverso le storie mitiche: Persefone ha scelto l’oltretomba per Amore

duri a morire

E per chi si stesse chiedendo se ci sono delle immagini che magari possono documentare l’accaduto, la risposta è sì, c’è un video. C’è un filmato girato proprio da uno dei . Le parole di Grillo a riguardo sono esemplari della peggior cultura dello stupro: di 19 anni che si divertono e ridono in mutande e saltellano con il pisello… perchè sono quattro coglioni”. Volendo sorvolare sull’eleganza del sig. Grillo, ridurre il tutto a una “ragazzata” è esattamente la causa del problema: la mancata percezione del reato. Ma sì è una ragazzata, sono cavolate che si fanno da , tra amici, quella ci stava e comunque, se non ha denunciato subito, è perchè in fondo se l’è inventato. Boys will be boys, niente di nuovo insomma. Solo bisognerebbe andarlo a dire alla ragazza, che tanto spensierata forse in questi due anni non lo è stata, e che magari non ha un genitore con un cognome così importante a difenderla dalla gogna mediatica nella quale, manco a dirlo, è finita lei, la vittima.

“Io voglio chiedere, voglio chiedervi, voglio chiedere veramente…”, frasi come queste vengono ripetute di continuo nel discorso di Grillo. Caro Beppe, vorremmo chiederti noi una cosa: se non sei in grado di insegnare il rispetto per le donne, abbi almento la decenza di tacere. Ci ha istruiti bene mamma Rai con Lolita Lobosco, Che Dio ci aiuti e tutte le meravigliose fiction con almeno una falsa di stupro in prima serata. Grazie davvero, ne sentivamo proprio il bisogno!

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Beppe Grillo (@beppe_grillo_)

Condividi:

Un commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *